Passa ai contenuti principali

PANTALONE




                                 Pantalone

Questo è un travestimento legato molto al mondo teatrale.
Pantalone è la maschera veneziana più conosciuta. Nelle prime apparizioni teatrali veniva chiamato “il Magnifico”
E si esprimeva in dialetto veneziano.
Successivamente viene chiamato Pantalone, forse omaggio a un santo venerato a Venezia a cui è intitolata una chiesa.
Oppure si crede derivi da “piantaleoni”, nome con cui venivano chiamati i mercanti che aprivano i banchi nelle terre conquistate e “piantavano” simbolicamente il leone di San Marco.
Pantalone nella commedia dell'atra è un vecchio mercante , a volte ricco e stimato altre volte in rovina.
Anche se avanti negli anni ,possiede spirito giovane e capace di fare avance amorose, mostra vitalità negli affari anche nel risolvere problemi familiari.
Viene rappresentato con costume costituito da berretto di lana alla greca, giubba rossa con pantaloni alla marinaresca, con una cintura da cui pendono una spada o borsa.
Mantello nero foderato di rosso, ai piedi babbucce alla turca.
La sua maschera nera mette in risalto il naso adunco, sopracciglia e barbetta appuntita.



Questa è una versione rivista da me della maschera di Pantalone

Commenti

  1. Un masque superbement revisité... grâce à votre talent. J'apprécie beaucoup les nuances de couleurs.
    Gros bisous

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Bomboniere Veneziane

Alcuni esempi di come si può trasformare un articolo veneziano tipico in un elegante dono, come può esserlo una bomboniera per un matrimonio, cresima, laurea, battesimo... Tutti gli articoli sono creati a mano con la collaborazione del cliente che può scegliere il colore, la decorazione, la confezione. www.maskerelle.it  per info maskerelle@alice.it 






Creati da Roberta Carraro 

Origine della maschera veneziana del gatto.

Il primo motivo della moltitudine dei gatti a Venezia nei secoli scorsi era dovuta all'invasione di topi nella città.
Questi, portatori di varie malattie erano arrivati dentro alle navi fino al porto, e si riproducevano con una tale velocità che Venezia ne fu invasa in breve tempo.Le pessime condizioni igieniche in cui vivevano gli abitanti veneziani erano terreno fertile per i topi.
Basti pensare che l'epidemia di Peste del 1500 causata dai ratti, portò alla morte di quasi 1/3 della popolazione.
Verso la fine del 1400 i Veneziani  trovarono un molto semplice e geniale per diminuire drasticamente l'invasione.
Trasportarono bastimenti carichi di gatti dalla Dalmazia, che non dovevano far altro che cacciare topi e dormicchiare al sole. L'esito fu positivo.
Ecco perchè tra le varie maschere veneziane troviamo anche quella del gatto, animale che è stato utile per Venezia per molti secoli.
Oggi non è più così, dopo un attento progetto di sterilizzazione del gatto.
E' …
La basilica di San Marco a Venezia è la chiesa principale della città, cattedrale metropolitana e sede del patriarca. Assieme all'omonimo campanile e a piazza San Marco, che da essa prende il nome, è il principale monumento di Venezia e uno dei simboli d'Italia. Sino alla caduta della Repubblica Serenissima è stata la chiesa palatina dell'attiguo palazzo Ducale, retta a prelatura territoriale sotto la guida di un primicerio nominato direttamente dal doge. Ha assunto il titolo di cattedrale a partire dal 1807, quando fu qui trasferito dall'antica cattedrale di San Pietro di Castello






cit. Wikipedia  Foto Roberta Carraro  www.maskerelle.it