Passa ai contenuti principali

Piccole Perle

  
Sono una veneziana ed amo Venezia, ma resto sempre affascinata quando conosco persone che amano questa città quanto o forse più di me.
E' il caso di Giorgio Cauchi che mi ha chiesto di poter pubblicare sulla copertina del suo libro in uscita  una mia foto dove esponevo delle maschere bianche .
Mi piace pensare che abbia colto dalla mia foto l'amore che metto nel mio lavoro, e lo esprimo anche fotografando Venezia .

 
 
 
Il libro Piccole Perle di Giorgio Cauchi non è solo un libro fotografico, con i migliori scatti fatti duranti il Carnevale Veneziano 2013 , ma racconta anche delle brevi fiabe di varia origine ispirate anche ai magnifici costumi ....non resta che acquistarlo!


 
Grazie Giorgio.
 
 
Roberta Carraro
 
 
 
 
 
 
 
P.S
Tengo a precisare che le maschere bianche sono in cartapesta e i modelli appartengono a diversi artisti .



















 
 
 
 
 

    

    Commenti

    1. Roberta, felicitaciones, es todo un logro que hayan utilizado tus trabajos para fotografia de la tapa de un libro, como te dije una vez, tienes manitos de hada!

      RispondiElimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    Origine della maschera veneziana del gatto.

    Il primo motivo della moltitudine dei gatti a Venezia nei secoli scorsi era dovuta all'invasione di topi nella città.
    Questi, portatori di varie malattie erano arrivati dentro alle navi fino al porto, e si riproducevano con una tale velocità che Venezia ne fu invasa in breve tempo.Le pessime condizioni igieniche in cui vivevano gli abitanti veneziani erano terreno fertile per i topi.
    Basti pensare che l'epidemia di Peste del 1500 causata dai ratti, portò alla morte di quasi 1/3 della popolazione.
    Verso la fine del 1400 i Veneziani  trovarono un molto semplice e geniale per diminuire drasticamente l'invasione.
    Trasportarono bastimenti carichi di gatti dalla Dalmazia, che non dovevano far altro che cacciare topi e dormicchiare al sole. L'esito fu positivo.
    Ecco perchè tra le varie maschere veneziane troviamo anche quella del gatto, animale che è stato utile per Venezia per molti secoli.
    Oggi non è più così, dopo un attento progetto di sterilizzazione del gatto.
    E' …

    Medico della Peste

    Medico della pesteL’origine del costume è francese, risale al XVI secolo. La peste era presente in tutta Europa e arrivò anche  a  Venezia attorno al 1500. All’epoca si  edificavano templi votivi come il Redentore e la Madonna della Salute ,c’era anche una organizzazione sanitaria assai fragile e scarsa igiene. Il medico della peste fa la sua comparsa a Venezia per volere del Doge e cercare di curare in qualche modo questa malattia. Indossava una tunica di lino o tela cerata nera per impedire ai miasmi infettanti di depositarsi sull’abito. Usava una bacchetta per sollevare le lenzuola senza entrare in contatto con oggetti e corpi malsani. Oltre a questo aveva anche un cappello nero, occhiali con lenti in vetro e un becco (la maschera del medico della Peste) che veniva riempito di essenze profumate e disinfettanti come la menta, il basilico, il rosmarino. Questa figura professionale si aggirava per le calli di Venezia per cercare di limitare le migliaia di vittime. Il carnevale recupera così…

    Bomboniere Veneziane

    Alcuni esempi di come si può trasformare un articolo veneziano tipico in un elegante dono, come può esserlo una bomboniera per un matrimonio, cresima, laurea, battesimo... Tutti gli articoli sono creati a mano con la collaborazione del cliente che può scegliere il colore, la decorazione, la confezione. www.maskerelle.it  per info maskerelle@alice.it 






    Creati da Roberta Carraro